Cos’è lo scambio sul posto?

scambio sul posto impianto fotovoltaicoLo scambio sul posto, abbreviato in SSP, è un meccanismo che permette di valorizzare l’energia prodotta e non istantaneamente autoconsumata dal tuo impianto fotovoltaico: una modalità di consumo “differito nel tempo” dell’energia prodotta, in cui la rete elettrica locale diventa un serbatoio di accumulo dove depositare le eccedenze da ri-prelevare al momento del bisogno, a condizioni vantaggiose.

Il servizio di scambio sul posto viene regolato dall’AEEG, Autorità per l’energia elettrica ed il Gas, e gestito dal GSE, il Gestore dei Servizi Elettrici, con cui il proprietario dell’impianto sottoscrive un contratto di durata annuale tacitamente rinnovabile.

Il meccanismo è molto semplice: prima paghi le bollette per tutta l’energia prelevata dalla rete, poi ricevi il rimborso parziale da parte di GSE. Realizzando un impianto fotovoltaico fino ai 500 kWp di potenza si può accedere al sistema dello scambio sul posto.

Come funziona lo SSP?

Quando il tuo impianto fotovoltaico è in funzione, l’energia prodotta può:

  • essere direttamente auto-consumata;
  • essere immessa in rete e conteggiata dal contatore di scambio;
  • se l’impianto è dotato di un sistema di accumulo, l’eccedenza viene immagazzinata nelle batterie.

Quando l’impianto fotovoltaico non produce, l’energia necessaria viene prelevata dalla rete elettrica e poi pagata con le bollette. Se l’impianto fotovoltaico è dotato di un sistema di accumulo, l’utente avrà energia prima dalle batterie, e solo quando queste saranno scariche preleverà dalla rete elettrica.

Le quantità di energia immessa e consumata vengono misurate dal contatore di scambio bidirezionale. Il tuo operatore elettrico (Enel Energia o.a.), comunica le letture in kWh di energia immessa e prelevata al GSE, che effettua i calcoli dei contributi in scambio e la liquidazione economica delle eventuali eccedenze a fine anno.

Come posso calcolare il mio contributo in scambio?

Il calcolo è abbastanza complesso perché si basa su parametri variabili, quali i costi sul mercato elettrico e l’effettiva quantità di energia prelevata e immessa in rete. In linea generale viene rimborsato intorno all’80% della spesa in bolletta. Saranno i nostri consulenti tecnici a calcolare una stima precisa per il tuo caso specifico.

Alcune precisazioni:

  • Il contributo non rimborsa le imposte pagate in bolletta. Lo scambio sul posto non è un incentivo (gli incentivi sono terminati a luglio 2013).
  • Il contributo è cumulabile con le detrazioni fiscali del 50% per gli impianti al servizio delle abitazioni, e non viene tassato come reddito aggiuntivo per l’utente, perciò niente IVA e Irpef.

Cos’è la liquidazione delle eccedenze

Se il tuo impianto fotovoltaico immette più energia di quanta ne preleva su base annuale, puoi ottenere la liquidazione delle eccedenze immesse in rete: la richiesta di pagamento va inoltrata al GSE entro il 31 gennaio dell’anno successivo. Ai fini fiscali la liquidazione va considerata come fosse una vendita e perciò come reddito aggiuntivo.

Come controllo i miei pagamenti da parte del GSE?

Il GSE mette a disposizione un portale web dove puoi visualizare e controllare i tuoi pagamenti, eseguiti direttamente sul tuo conto bancario.

Calendario dei pagamenti da parte di GSE

Il contributo in conto scambio viene erogato in due acconti e con un conguaglio annuale, come segue:

 *) dell′anno successivo

*) dell′anno successivo

 

Nota bene: il bonifico viene emesso solo se supera la soglia dei 15€ ed è cumulabile fino al raggiungimento di tale cifra.

Come posso usufruire dello scambio sul posto?

Se sei titolare di un impianto e vuoi aderire al regime SSP devi presentare richiesta entro 60 giorni dalla data di entrata in esercizio dello stesso, quindi sottoscrivere la convenzione con il GSE. Se installi un impianto fotovoltaico con ICARO, ci occupiamo noi della convenzione per lo scambio sul posto.

Eseguite le procedure, riceverai un login sul portale del GSE, con cui potrai visualizzare e controllare i dati del tuo impianto fotovoltaico e i contributi SSP in pagamento.

Hai ulteriori domande? Non esitare di contattarci.