Cessione del credito: facciamo chiarezza

cessione del credito fotovoltaico

La cessione del credito potrebbe sembrare l’occasione perfetta per chi desidera installare un impianto fotovoltaico. Ma prima facciamo chiarezza su alcuni aspetti importanti di questa nuova misura.

La cessione del credito per le PMI

Con l’articolo 10 del Decreto Crescita, entrato in vigore il 29 giugno 2019, è stata esteso il meccanismo della “cessione del credito” anche alle ristrutturazioni edilizie, già oggetto della detrazione fiscale del 50%. Ciò significa cessione del credito anche per l’installazione degli impianti fotovoltaici.

Con questa nuova norma sono arrivate anche le proteste da parte delle PMI.

In effetti, ciò andrebbe a mettere in difficoltà tante piccole realtà abruzzesi e italiane, che non hanno gli strumenti finanziari adeguati per sostenere questo sistema, diversamente dalle aziende più grandi, ben strutturate a livello finanziario, che sono in grado di assorbire il credito dei propri clienti senza grossi squilibri.

A tal proposito, lo stesso CNA Abruzzo ha alzato la voce (leggi l’articolo qui).

Come si potrebbe risolvere la questione? Dando la possibilità alle PMI, a loro volta, di cedere il credito alle banche. Ma, per ora, sembra che questa opzione non sia stata considerata.

Lo sconto del 50% per il tuo impianto fotovoltaico

Di tutta risposta a questa nuova misura, nel settore del fotovoltaico, purtroppo, si è visto un aumento del prezzo pieno degli impianti: questa tendenza pone qualche dubbio sul valore effettivo di questa cessione del credito del 50% per il cliente.

Noi, come Icaro, abbiamo sempre cercato di mantenere i nostri prezzi allineati a quelli degli altri anni: questa scelta deriva dal fatto che crediamo che un impianto fotovoltaico o qualsiasi progetto di efficientamento energetico debba essere centrato sul cliente.

Il risparmio dovrebbe essere a beneficio dello stesso cliente, e non oggetto di speculazione finanziaria.

Il fotovoltaico a portata di tutti

Portare l’energia pulita nelle case di tutti gli abruzzesi.

È sempre stata questa la mission di Icaro, l’attenzione verso l’ambiente e il benessere delle persone: con questi presupposti, potremmo anche appoggiare le grandi aziende, dotate di un potere mediatico più efficace, nella diffusione del fotovoltaico e nella creazione di una maggior consapevolezza.

Ma ciò che ci sta davvero a cuore è anche la correttezza e la trasparenza nei confronti dei cittadini.

Meglio un uovo oggi o una gallina domani?

A prima vista, infatti, la cessione del credito potrebbe sembrare un bel vantaggio per il privato.

Permette di usufruire subito della detrazione fiscale del 50%, e quindi di ricevere un rimborso che ammonta al 50% del costo dell’impianto nell’anno successivo a quello di realizzazione dei lavori, senza aspettare i successivi 10 anni per il recupero tramite le tasse.

Bisogna sempre ricordare, però, che il principio per cui un beneficio economico immediato costa di più di uno spalmato nel tempo, è un concetto che regola gli scambi commerciali sin dalla notte dei tempi.

Considerando, quindi, che quando acquisti un impianto fotovoltaico lo fai per avere un risparmio energetico per i prossimi 20, 30, 40 anni, anche il valore economico del tuo investimento andrebbe valutato in un arco di tempo più lungo.

La cessione del credito è effettivamente più conveniente?

Dipende.

Dipende perché, se paghi le tasse e puoi effettivamente usufruire della detrazione, probabilmente troverai un’offerta più economica e a lungo termine, senza cedere il tuo credito.

Se invece non hai la possibilità di portare il costo in detrazione, forse ti converrebbe optare per la cessione del credito.

Non possiamo darti giudizi generici. A nostro avviso, conviene sempre valutare tutte le possibilità per ogni caso specifico con chi, come noi, si occupa di risparmio energetico da sempre.

Perciò, prima di scegliere quale strada scegliere tra la cessione del credito o la classica detrazione, potremmo fare due conti insieme!

Contattaci per saperne di più tramite il link sottostante.

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
+