Cosa fare se l’impianto fotovoltaico è stato danneggiato dalla grandine

Lo scorso 10 luglio il maltempo ha fatto strage di impianti fotovoltaici nella zona costiera abruzzese, dove ha colpito soprattutto la zona di Francavilla al Mare. In seguito alle sostituzioni che abbiamo fatto fino ad ora, riportiamo qui qualche consiglio per i proprietari sfortunati.

Cosa fare se i tuoi moduli fotovoltaici sono stati danneggiati?

Cerca di capire l’entità dei danni, poi mandaci una richiesta di manutenzione insieme a qualche foto o magari un video, se il tetto è accessibile.

Al nostro tecnico interessa sapere il numero di moduli da sostituire, marca e modello. Spesso siamo costretti a sostituire i moduli rotti con moduli nuovi di altra marca con una potenza pari o superiore, ma una soluzione si trova sempre.

Purtroppo, non siamo stati ancora in grado di soddisfare tutte le richieste pervenute, ma ci stiamo lavorando.

L’impianto fotovoltaico funziona dopo la grandinata?

Con il solo vetro danneggiato e qualche frattura alle celle sottostanti, l’impianto continua a funzionare, e basta verificare sull’inverter o sul sistema di monitoraggio. Se l’impianto funziona ancora, l’intervento di sostituzione può probabilmente aspettare qualche settimana.

Col tempo, l’infiltrazione di acqua e umidità comprometterà l’efficienza del modulo danneggiato e la produzione di energia diminuirà significamente.

pannelli grandine

Pannelli fotovoltaici danneggiati dalla grandinata, Francavilla al mare (CH)

Esistono dei moduli fotovoltaici a prova di grandine?

Alcuni proprietari di pannelli fotovoltaici ci hanno chiesto se i moduli fotovoltaici sono resistenti alle grandinate?

A oggi, i moduli fotovoltaici vengono testati per loro resistenza meccanica contro la grandine secondo IEC 61215, che prevede grandine con un diametro di 25 mm alla velocità di 23 m/s.

Tuttavia, la grandinata del 10 luglio lungo la costa Abruzzese ha presentato chicchi di grandine grossi come arance, fino a 80-100 mm di diametro, e qui non c’è vetro che tenga!

Test più severi in futuro?

Dal 2019 i produttori di pannelli fotovoltaici possono sottoporre i propri moduli a un test di classe 3, più severo presso l’organo di certificazione tedesca, il TÜV Rheinland. Nel nuovo test di certificazione, sempre secondo IEC 61215, vengono utilizzati chicchi di grandine di 35 mm con una velocità di 27,2 m/s.

Conviene stipulare un’assicurazione per il tuo impianto fotovoltaico residenziale?

È difficile rispondere a questa domanda. Alcuni nostri clienti scelgono di stipulare una polizza assicurativa e solitamente un’assicurazione all-risk per un impianto fotovoltaico costa sui 2-300 euro e ha una durata di 10 anni. L’ultima volta che abbiamo avuto un maltempo di questa portata è stata nel 2013. Quali sono le probabilità che arrivi un’altra grandinata come quella entro i prossimi 10 anni?

Contattaci tramite il moduli qui per una quotazione per la sostituzione del tuo impianto danneggiato.

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
+