Ispezione del campo fotovoltaico con droni

Per le aziende proprietarie di un impianto fotovoltaico di grandi dimensioni, affidarsi alla tecnologia dei droni per il controllo e l’identificazione dei guasti sui propri pannelli fotovoltaici rappresenta un grande vantaggio.

I droni a servizio del tuo impianto fotovoltaico

Gli Aeromobili a Pilotaggio Remoto, comunemente noti come droni, sono piccoli mezzi comandati a distanza principalmente utilizzati per registrare filmati e scattare foto; però, abbinati alla tecnologia avanzata, ora sono anche in grado di eseguire ispezioni autonome di tipo termografico e spettrografico per valutare il corretto funzionamento e le prestazioni dei singoli moduli fotovoltaici.

I droni, progettati appositamente per l’ispezione aerea degli impianti fotovoltaici, oltre a garantire una verifica completa da oltre 500 m, sono in grado di restare in volo fino a 30 minuti consecutivamente.

L’ispezione termografica degli impianti fotovoltaici viene utilizzato per:

  • identificare celle difettose con temperature più alte della normale temperatura massima di lavoro (solitamente intorno a 85 °C);
  • identificare connessioni difettose tra celle e diodi di bypass;
  • valutare la perdita di efficienza dei pannelli con una distribuzione di temperatura non uniforme causata dagli hot spot.

Hot spot: che cos’è?

hot-spot-drone-fotovoltaico

Hot spot su alcuni moduli fotovoltaici.

Il fenomeno si verifica quando una cella fotovoltaica è oscurata parzialmente.

La cella ombreggiata smette di funzionare, mentre le altre celle che compongono il pannello fotovoltaico continuano a produrre corrente e tensione che polarizzano inversamente la cella oscurata, producendo un aumento di temperatura.

Questo fenomeno può comportare la mancata produzione o la degenerazione di più celle dell’impianto fotovoltaico. Oltre a ridurre drasticamente l’efficienza dell’impianto, possono comportare un elevato rischio di incendio.

Il problema dei parchi fotovoltaici sottoperformanti

Una recente statistica rilasciata dal GSE riporta che il 30% degli impianti fotovoltaici installati in Italia sono sottoperformanti. Nei periodi degli  incentivi in Conto Energia sono stati importati tanti moduli fotovoltaici in Italia, a basso costo e dubbio qualità, che dopo 5-6 anni di produzione hanno cominciato a presentare difetti a causa di un degrado prematuro.

L’ispezione termografica con droni è sicuramente il modo più veloce per identificare guasti sui grandi impianti installati negli anni di Conto Energia.

In Icaro non siamo soliti utilizzare droni, per il semplice fatto che la maggior parte dei nostri impianti è per privati e PMI dove un’eventuale guasto si identifica abbastanza velocemente in cantiere.

Sunpower e SolarEdge eliminano la necessità di verifiche sul campo

Per i grandi impianti fotovoltaici di oggi, installando pannelli fotovoltaici Sunpower testati sul campo da decenni, non c’è più bisogno di verifiche con droni. È più probabile che si rompa un ottimizzatore o che qualche collegamento elettrico venga mangiato da un roditore.

In ogni caso, il monitoraggio tramite il portale web degli ottimizzatori SolarEdge ci permette di individuare la zona difettosa molto facilmente da remoto.

Con Icaro non hai bisogno di droni

Anche per Icaro volare è importante (forse anche un po’ rischioso), per questo abbiamo scelto di installare esclusivamente prodotti fotovoltaici di qualità in modo da rendere l’ispezione termografica dei nostri impianti praticamente superflua.

Per noi il tuo impianto fotovoltaico deve funzionare sempre, senza problemi.

Condividi su Facebook
Condividi su Twitter
Google+
LinkedIn
Pinterest
+