L’integrazione di un sistema di accumulo sul tuo impianto fotovoltaico consente di sfruttare una percentuale maggiore di energia solare auto-prodotta dal tuo impianto e ti permette di ridurre fin da subito i costi dell’energia elettrica in bolletta.

La batteria d’accumulo – con il Superbonus al 110% diventerà d’obbligo

Il nuovo decreto rilancio uscito a maggio 2020 ha aperto per la possibilità di detrarre le spese sia di un impianto fotovoltaico al 110%, sia a una batteria d’accumulo e una colonnina di ricarica veicoli elettrici, pertanto permette al cliente di ottenere un sistema di produzione energia a costi estremamente ridotti e ridurre drasticamente i costi futuri di energia elettrica in bolletta. Un’ occasione da non perdere per i residenti proprietari di una casa unifamiliare, però occorre fare alcuni accorgimenti su questa iniziativa.

Ma iniziamo dalle info di base:

e installato su o insieme a un impianto fotovoltaico in Superbonus. Questo rende l’opzione batteria molto vantaggiosa a livello di prezzo, ma in cambio , la batteria d’accumulo installato insieme al n impianto fotovoltaico produci la tua energia elettrica autonomamente, ma ci vogliono le batterie d’accumulo per diventare pressoché autonomi dalla rete.Con un sistema d’accumulo aumenterai la quantità di energia autoconsumata prodotta dal tuo impianto fotovoltaico e accumulata nelle batterie, utilizzandola la sera e la notte, dove serve di più.

Inoltre le batterie possono agire da back-up nel caso di interruzione della fornitura di rete. Installando un sistema d’accumulo potrai autoconsumare fino al 70-90% dell’energia prodotta dal tuo impianto fotovoltaico.

Batterie d’accumulo per tutti i gusti

Le batterie agli ioni di litio, sempre più efficienti, grazie ai loro costi destinati a diminuire, rendono l’installazione di un sistema d’accumulo sempre più conveniente. Le marche più popolari al momento sonodel tipo Senec adatto a tutti gli impianti o Solarwatt abbinati all’inverter Fronius Primo/Symo nonché i kit Centro Zuchetti Sistemi, SolaX e LgChem abbinata all’inverter SolarEdge/SMA, nonchè il nuovo arrivato: LgChem abbinato all’inverter Huawei, forse il più venduto sugli nuovi impianti fotovoltaici in questo momento.

ICARO srl offre vari soluzioni di batterie modulari versatili e consigliamo i nostri clienti in base alla sua situazione energetica attuale. La prima distinzione che occorre fare è se si tratta di un impianto fotovoltaico nuovo o esistente.

Batterie d’accumulo su impianti fotovoltaici esistenti (retrofit)

Per quanto riguarda l’implementazione di un accumulo su un impianto preesistente, c’è un elemento in meno da installare, cioè l’inverter di rete. L’utente avrà bisogno solo di una batteria e del suo dispositivo d’interfaccia con l’impianto fotovoltaico. Tranné il caso specifico dove il cliente ha un inverter Fronius Primo/Symo e la possibilità di collegare una batteria di alta qualità come il SolarWatt modulare, qui si va sempre a installare una batteria che lavora in corrente alternata (CA).

In pratica però, se l’inverter attuale è vecchio, consigliamo di sostituirlo con un nuovo inverter ibrido, già nella sua natura in grado di gestire la batteria o un inverter di ultima generazione omologato per poter dialogare con la batteria.

Aumenta il tuo autoconsumo – anche se sei in Conto Energia

Gli impianti FV esistenti e incentivati, collegati alle reti di distribuzione in bassa o media tensione, possono essere abbinati a un dispositivo di storage mantenendo gli incentivi in Conto Energia, con una sola eccezione: quelli di potenza inferiore a 20 kWp regolamentati dal primo ContoEnergia.

Se hai bisogno di un consiglio su quale soluzione potrebbe andare bene per il tuo impianto fotovoltaico esistente, puoi contattarci tramite il form sulla pagina contatti.

Batterie d’accumulo su impianti fotovoltaici esistenti (retrofit)

I vantaggi dello storage modulare

Il vantaggio di un sistema modulare è che ti permette di aggiungere ulteriore capacità di storage in un secondo momento. In fondo a questa pagina troverai una descrizione di alcune delle soluzioni che offriamo, sia per impianti nuovi che per il retrofit.

Puoi detrarre il 50% della spesa fino al 31 dicembre 2019

Le batterie d’accumulo ad ioni di litio, che sono attualmente i più sicuri ed efficienti sul mercato, costano dai 5000 euro in su, ma puoi richiedere l’Ecobonus pari al 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di una batteria d’accumulo quando lo acquisti insieme al tuo impianto fotovoltaico.

La detrazione fiscale avviene su IRPEF o IRES in 10 anni direttamente nella tua dichiarazione dei redditi.

Sistemi componibili per la massima flessibilità

Un sistema componibile è configurabile in modo molto preciso secondo i profili di carico del cliente.

Il tecnico può scegliere tra differenti tecnologie e capacità di accumulo con la possibilità di abbinare più batterie in serie, in caso di bisogno.

Se il sistema è configurato bene, il risparmio può essere molto consistente.

Questo è il caso per le batterie di LG Chem, Centro Zuccetti Sistemi, Solax/Pylontech, Senec e Solarwatt. Naturalmente installare un sistema di storage componibile richiede alcuni accorgimenti in più.

Leggi anche l’articolo sui prodotti più interessanti nel 2019 sul nostro blog.

Tutta l’energia che ti serve, quando serve

La scelta del sistema di accumulo e il dimensionamento ottimale delle batterie dipende dal utilizzo e della curva dei consumi giornalieri. Icaro Srl vi aiuta a scegliere il sistema di batterie d’accumulo più adatto al vostro impianto fotovoltaico e alle vostre reali esigenze energetiche.